SEMINARI, CORSI, INCONTRI

Gli incontri che tengo come autore mi permettono di sapere cosa pensano i miei lettori, i bambini, che, a loro volta, hanno l’occasione di conoscere chi scrive e disegna per loro. Nei laboratori la mia funzione è molto più tecnica. Come nei corsi di illustrazione che tengo agli adulti, io sono lì per insegnare a fare qualcosa di materiale. Da un laboratorio esce un manufatto che può essere un libro “fatto in casa” o una serie di disegni. L’organizzazione è di solito degli Assessorati alla Pubblica Istruzione o alla Cultura, ma a volte l’iniziativa parte dalla singola scuola o biblioteca, dove poi l’incontro si svolge.

I miei laboratori comprendono attività molto diverse tra loro -lettura, confronto di opinioni, recitazione, attività manuali- che io organizzo sul momento, adattandole alla situazione logistica e all’età dei bambini che mi trovo davanti.
Un mio laboratorio ideale si svolge così:
1° fase LETTURA AD ALTA VOCE. Per prima cosa leggo ai bambini il libro o i libri sui quali l’incontro verte e di cui sono autore, sia per quanto riguarda il testo che le immagini.
2° fase Mi E’ SIMPATICO/NON LO POSSO SOFFRIRE. Tra me e i bambini e tra i bambini stessi si sviluppa un piccolo dibattito sui contenuti delle storie lette e ascoltate.
3° fase IO “ERO” IL LEONE, TU L’ELEFANTE. Distribuisco loro delle maschere
(da me create in precedenza riproducendo i personaggi che agiscono nei libri in questione) e assegno loro la parte, assecondando le loro preferenze nell’impersonare i protagonisti -di solito animali- dei miei libri. Il copione è la storia narrata nel libro, ma sono possibili improvvisazioni e varianti.
Non tutti i bambini devono necessariamente essere coinvolti nell’azione ma il modo di farlo con tutti -se lo desiderano- c’è. Per fare una balena ci vogliono almeno una quindicina di bambini che si muovono a passettini in fila indiana ognuno molto addossato a quello che lo precede… E poi c’è da impersonare gli alberi, le rocce etc…
4° fase SI DISEGNA. Di solito io lo faccio su una lavagna a cavalletto e fogli mobili, loro su un tavolo grande, ma in continua relazione tra noi, con matite e pastelli. I disegni che faccio io restano di solito in loco, quelli dei bambini in genere se li portano via nella cartella o li danno a me, con dedica.

Scrivetemi o telefonatemi per informazioni a propositi degli incontri o dei laboratori.

SCRIVETEMI»